Pages

lunedì 15 novembre 2010

tutorial appliquè

Si sa che l' inattività comporta come effetto secondario il riflettere su varie questioni tra le quali l'appliquè :-) o meglio, i metodi per eseguirlo, fino a questo momento ho quasi sempre effettuato l'appliquè a mano, raramente a macchina con punto festone o zig-zag in quanto i risultati ottenuti non mi hanno mai soddisfatto del tutto.
Bighellonando tra i vari blog delle quilters americane e australiane (sono molto avanti!!!!!!) in questi giorni ho provato e messo a punto quella che al momento sembra una tecnica di appliquè che coniuga quasi in maniera perfetta velocità e perfezione (eh si sono un po' maniaca su questa cosa).

Incoraggiata da una mia amica, ho deciso di pubblicare questo tutorial.
Quello che segue vuole essere in qualche modo un sunto di diversi "tricks and tips" incontrati durante le mie navigazioni, ed è per questo che desidero ringraziare indistintamente tutte le autrici di quei blog dai quali ho preso ispirazione.

Questo il materiale occorrente:



-Freezer paper
-una forbice per carta
-una forbice per stoffa
-ferretto da stiro per appliquè
-colla glue-bast ( è reperibile presso i vari siti on line di acquisti ad es. www.direfarequiltare.it )
-una matita con punta sottile
-filo nylon trasparente
-un bastoncino di cotton fioc (o un pennellino)
-una ciotolina
-amido in spray (volendo anche quello da sciogliere nell'acqua)

1) Riportare sul lato opaco della freezer paper la forma da applicare, nel mio caso una foglia, ritagliare la foglia seguendo attentamente i margini.

2) Posizionare la foglia con il lato lucido a contatto con il rovescio della stoffa



3) con il ferretto stirare brevemente la freezer paper sino a che non aderisce momentaneamente



4) quindi tagliare seguendo la foglia lasciando almeno 1/4 di margine di stoffa in modo da poterla piegare



5) Ritagliata la forma da applicare, spruzzate nella ciotolina un po' amido di mais



6) dopo aver imbibito il cotton fioc nell'amido, procedete ad inumidere la stoffa stando attente a non bagnare la freezer paper.



7) con l'aiuto del ferretto piegate la stoffa sino a che non si asciuga, in questo modo i margini resteranno perfettamente piegati.





8) A questo punto togliete la freezer paper


sui margini ripiegati mettete qualche goccia di glue-bast per tener ferma la foglia mentre si cuce. (la colla che uso è molto leggera ed è usata in special modo dalle americane proprio per l'appliquè, si rimuovere spruzzando un po' d'acqua o immergendo il blocco finito in una catinella con un poco di acqua)


e posizionate la foglia sulla stoffa di fondo.

9) a questo punto si procede con la macchina da cucire al punto appliquè invisibile. A tal scopo si deve usare il filo di nylon trasparente di sopra mentre nella bobina inferiore un filo bianco o in tinta con la stoffa di base.
Possedendo una Bernina 440QE le istruzioni per il punto saranno ovviamente basate su questo modello.
Se è possibile il filo inferiore della bobina cercate di farlo passare attraverso il buchetto che si trova nella capsula al fine di ottenere una perfetta tensione



Il piedino è il numero 20, il punto selezionato è il n.7



la lunghezza e larghezza del punto dev'essere modificata al fine di ottenere punti piccoli. Personalmente ho ottenuto il risultato migliore con una larghezza del punto 0.9 e una lunghezza 1.00.



10) A questo punto procedete con il punto vero a proprio ad una velocità piuttosto bassa in modo da avere pieno controllo della stoffa. In questa operazione dovete porre particolare attenzione a fare cadere l'ago giusto a filo del margine della foglia stessa



nel momento dello zig-zag l'ago dovrà prendere solo qualche filo della stoffa della foglia. (è più difficile dirlo che farlo, credetemi)
Terminato il perimetro della foglia il vostro appliquè è pronto, perfetto come fatto a mano e decisamente più veloce.


Spero di esservi stata utile e happy quilting a tutte!

giovedì 11 novembre 2010

costretta a casa

Ebbene si, in questi giorni sono costretta a casa e non per una influenza (magari) ma da qualcosa di completamente diverso ma decisamente invalidante. La mia autonomia si è decisamente ridotta e bazzico tra divano, letto e stanza del lavoro dove cerco di preparami un po' di appliquè da portarmi all'ospedale.
Eh già a fine novembre dovrò ritornare all'ospedale per essere operata di calcoli e poi tornerò finalmente alla mia vita di sempre.
Mi manca il lavoro, mi mancono le mie colleghe, mi mancano le mie amiche, mi mancano i sabato trascorsi con le babbions a lavorare e ridere, ho rosicato vedendo le foto di Cervia e sentendo come le mie amiche si stavano divertendo e mi sono ripromessa che il prossimo anno ci devo essere anch'io!
insomma incrociate le dita per me e attendo suggerimenti su come trascorrere queste giornate che a volte sembrano eterne!

martedì 21 settembre 2010

riflessione

Sto riflettendo se mantenere ancora il blog oppure no...i miei aggiornamenti sono sporadici, non sempre faccio le foto di quello che produco, insomma sono poco costante...
Eppure cancellarlo mi spiace....

mercoledì 3 marzo 2010

sto riprendendo...

con nuovi lavori, nuovi progetti e nuove idee..

lunedì 25 gennaio 2010

non vorrei

ma sono indietro con tutto... con tutti i miei lavori che stanno diventato degli UFO, sono indietro con i libri che vorrei leggere che giacciono a pile sopra il mio comodino e non riesco a tenere il passo
Ho mille idee, mille progetti e non riesco a concludere nulla...
E ora ho anche la febbre e questo non migliora la situazione...