Pages

giovedì 11 novembre 2010

costretta a casa

Ebbene si, in questi giorni sono costretta a casa e non per una influenza (magari) ma da qualcosa di completamente diverso ma decisamente invalidante. La mia autonomia si è decisamente ridotta e bazzico tra divano, letto e stanza del lavoro dove cerco di preparami un po' di appliquè da portarmi all'ospedale.
Eh già a fine novembre dovrò ritornare all'ospedale per essere operata di calcoli e poi tornerò finalmente alla mia vita di sempre.
Mi manca il lavoro, mi mancono le mie colleghe, mi mancano le mie amiche, mi mancano i sabato trascorsi con le babbions a lavorare e ridere, ho rosicato vedendo le foto di Cervia e sentendo come le mie amiche si stavano divertendo e mi sono ripromessa che il prossimo anno ci devo essere anch'io!
insomma incrociate le dita per me e attendo suggerimenti su come trascorrere queste giornate che a volte sembrano eterne!

2 commenti:

angelabe ha detto...

Ciao Elena, anche a noi manchi tanto ed a Cervia ti abbiamo nominata più di una volta. Vedrai che questo periodo passerà in fretta e riprenderemo presto i nostri incontri. Una cosa è certa, il prossimo anno sarai delle nostre!!!!! Un bacione

Il giardino di rosmarino ha detto...

ciao,giusto oggi ho chiesto ad Angela come stavi.Dai non pensare negativo,vedila come un periodo di riposo per poi partire alla grande.Ti faccio tanti tanti auguri di cuore,magari potremmo organizzarci per andare in "val d'argent" (non so se ho scritto giusto)